Cookies Policy
X

This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

I accept this policy

Find out more here

Additional Remarks On Cyst Morphometrics in Anostracans and Its Significance. Part I: Egg Size

No metrics data to plot.
The attempt to load metrics for this article has failed.
The attempt to plot a graph for these metrics has failed.
The full text of this article is not currently available.

Brill’s MyBook program is exclusively available on BrillOnline Books and Journals. Students and scholars affiliated with an institution that has purchased a Brill E-Book on the BrillOnline platform automatically have access to the MyBook option for the title(s) acquired by the Library. Brill MyBook is a print-on-demand paperback copy which is sold at a favorably uniform low price.

Access this article

+ Tax (if applicable)
Add to Favorites

image of Crustaceana

[Le prime osservazioni compiute al microscopio elettronico a scansione sulla morfologia delle uova resistenti di Crostacei Anostraci (Gilchrist, 1978; Mura et al., 1978) hanno indotto un numero sempre crescente di studiosi ad usare tale carattere, anche in combinazione con le dimensioni delle uova stesse, quale mezzo di identificazione della specie (Alonso & Alcaraz, 1984; Munuswamy et al., 1985; Mura & Thierry, 1986; Hamer, unpubl.). Successivi approfonditi studi sull'argomento (Mura, 1986), hanno evidenziato, almeno per le specie italiane, una elevata variabilità intraspecifica mettendo quindi in discussione la validità del carattere sopra citato, dal punto di vista tassonomico. Il presenta lavoro si propone di esaminare in dettaglio gli aspetti del problema e di fare il punto sulla situazione, alla luce di ulteriori studi compiuti su popolazioni italiane del genere Chirocephalus., Le prime osservazioni compiute al microscopio elettronico a scansione sulla morfologia delle uova resistenti di Crostacei Anostraci (Gilchrist, 1978; Mura et al., 1978) hanno indotto un numero sempre crescente di studiosi ad usare tale carattere, anche in combinazione con le dimensioni delle uova stesse, quale mezzo di identificazione della specie (Alonso & Alcaraz, 1984; Munuswamy et al., 1985; Mura & Thierry, 1986; Hamer, unpubl.). Successivi approfonditi studi sull'argomento (Mura, 1986), hanno evidenziato, almeno per le specie italiane, una elevata variabilità intraspecifica mettendo quindi in discussione la validità del carattere sopra citato, dal punto di vista tassonomico. Il presenta lavoro si propone di esaminare in dettaglio gli aspetti del problema e di fare il punto sulla situazione, alla luce di ulteriori studi compiuti su popolazioni italiane del genere Chirocephalus.]

Affiliations: 1: Department of Animal and Human Biology, University La Sapienza, Rome, Italy

Loading

Full text loading...

/content/journals/10.1163/156854091x00137
Loading

Data & Media loading...

http://brill.metastore.ingenta.com/content/journals/10.1163/156854091x00137
Loading

Article metrics loading...

/content/journals/10.1163/156854091x00137
1991-01-01
2016-08-29

Sign-in

Can't access your account?
  • Key

  • Full access
  • Open Access
  • Partial/No accessInformation