Cookies Policy
X

This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

I accept this policy

Find out more here

LE DRAGON VOLANT DE TITO LIVIO BURATTINI *

No metrics data to plot.
The attempt to load metrics for this article has failed.
The attempt to plot a graph for these metrics has failed.
The full text of this article is not currently available.

Brill’s MyBook program is exclusively available on BrillOnline Books and Journals. Students and scholars affiliated with an institution that has purchased a Brill E-Book on the BrillOnline platform automatically have access to the MyBook option for the title(s) acquired by the Library. Brill MyBook is a print-on-demand paperback copy which is sold at a favorably uniform low price.

Access this article

+ Tax (if applicable)
Add to Favorites
You must be logged in to use this functionality

image of Annali dell'Istituto e Museo di storia della scienza di Firenze
For more content, see Nuncius.

title RIASSUNTO /title

Tito Livio Burattini (1617-1681) fu uno dei pi validi ed interessanti scienziati che presero attiva parte alla corte reale polacca nel XVII secolo. Nativo di Agordo, nel nord Italia, egli visse in Polonia dal 1641 fino alla sua morte assentandosi solo occasionalmente per brevi periodi. Fu al servizio del re Polacco Ladislas IV e Giovanni Casimir come ingegnere e impiegato della zecca. Si occup con grande zelo di meccanica e costru apparecchi di vario tipo, lavor lenti ed elabor un sistema universale di pesi e misure. Il piano pi ardito della vita di Tito Livio Burattini fu quello di costruire una macchina per volare. Egli tent di suscitare l'interesse del re Ladislas IV a questo progetto quando si trovava alla corte reale nel 1647. A quel tempo sottopose all'esame del re un breve trattato con disegni della macchina da lui progettata. Questi disegni sono stati conservati fra le carte del matematico parigino Gilles Personne de Roberval (Mss. 11 195, c. 55-61, Fondi Latini, Biblioteca Nazionale di Parigi). Essi furono indubbiamente inviati da Varsavia a Roberval dal suo allievo Pierre Des Noyers segretario della regina Luisa Maria Gonzaga, zelante organizzatore della vita sicentifica di Varsavia e impareggiabile nello stabilire contatti internazionali fra gli scienziati. Le sue lettere scritte a Roberval ed a Marin Mersenne forniscono elementi sulle iniziative e la fortuna del Burattini. Il trattato ed i disegni costituiscono perci fonti fino ad oggi inutilizzate che segnalano i fondamenti teorici trattati dal valente costruttore e danno una totale visione del dragone volante. Burattini costru parecchi piccoli modelli della sua macchina. La costruzione di un areoplano su larga scala non pot essere messa in atto per mancanza di aiuti finanziari ai quali le autorit polacche non poterono provvedere per le difficolt apportate dal periodo bellico in cui si trovava allora la Polonia. Bench l'intera impresa fosse gi inizialmente destinata a fallire, essa, ci non di meno, anche per il vivo interesse che suscit nel mondo intero in quel tempo, prova quanto di valore fossero i piani del suo autore.

Affiliations: 1: Krakw, Polonia

10.1163/221058777X01343
/content/journals/10.1163/221058777x01343
dcterms_title,pub_keyword,dcterms_description,pub_author
6
3
Loading
Loading

Full text loading...

/content/journals/10.1163/221058777x01343
Loading

Data & Media loading...

http://brill.metastore.ingenta.com/content/journals/10.1163/221058777x01343
Loading

Article metrics loading...

/content/journals/10.1163/221058777x01343
1977-01-01
2016-12-05

Sign-in

Can't access your account?
  • Tools

  • Add to Favorites
  • Printable version
  • Email this page
  • Subscribe to ToC alert
  • Get permissions
  • Recommend to your library

    You must fill out fields marked with: *

    Librarian details
    Your details
    Why are you recommending this title?
    Select reason:
     
    Annali dell'Istituto e Museo di storia della scienza di Firenze — Recommend this title to your library
  • Export citations
  • Key

  • Full access
  • Open Access
  • Partial/No accessInformation