Cookies Policy
X

This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

I accept this policy

Find out more here

EVOLUTION AND WAR, 1871-1918*

No metrics data to plot.
The attempt to load metrics for this article has failed.
The attempt to plot a graph for these metrics has failed.
The full text of this article is not currently available.

Brill’s MyBook program is exclusively available on BrillOnline Books and Journals. Students and scholars affiliated with an institution that has purchased a Brill E-Book on the BrillOnline platform automatically have access to the MyBook option for the title(s) acquired by the Library. Brill MyBook is a print-on-demand paperback copy which is sold at a favorably uniform low price.

This Article is currently unavailable for purchase.
Add to Favorites

Cover image Placeholder

[<title> RIASSUNTO </title>Le teorie di Darwin sono state spesso usate per giustificare la guerra come forma di lotta per l'esistenza e fattore di progresso biologico e sociale. Tuttavia, le varie forme di questo darwinismo bellicista non apportarono alcuna sostanziale novità agli argomenti tradizionalmente usati per giustificare la guerra. Anzi, questi argomenti, insieme con persistenti modi di pensare predarwiniani, condizionarono l'accettazione o il rifiuto, e la comprensione stessa, delle idee di Darwin. Esempi tratti da fonti inglesi, francesi, tedesche, italiane e americane mostrano che l'uso militarista di argomenti darwiniani non fu affatto una peculiarità tedesca. Inoltre, in gran parte dell'apologetica bellica tedesca le idee di Darwin svolsero un ruolo molto meno importante di quanto non si creda. Anzi, non pochi di coloro che giustificavano la guerra avevano ben poca simpatia per il darwinismo, sia biologico sia sociale.Il darwinismo, infatti, poteva essere usato anche per condannare la guerra. Ma coloro che così fecero condividevano gli stessi schemi intellettuali dei loro avversari: non solo non ne rifiutavano il biologismo, ma ne accettavano le premesse, pur giungendo a conclusioni diverse., <title> RIASSUNTO </title>Le teorie di Darwin sono state spesso usate per giustificare la guerra come forma di lotta per l'esistenza e fattore di progresso biologico e sociale. Tuttavia, le varie forme di questo darwinismo bellicista non apportarono alcuna sostanziale novità agli argomenti tradizionalmente usati per giustificare la guerra. Anzi, questi argomenti, insieme con persistenti modi di pensare predarwiniani, condizionarono l'accettazione o il rifiuto, e la comprensione stessa, delle idee di Darwin. Esempi tratti da fonti inglesi, francesi, tedesche, italiane e americane mostrano che l'uso militarista di argomenti darwiniani non fu affatto una peculiarità tedesca. Inoltre, in gran parte dell'apologetica bellica tedesca le idee di Darwin svolsero un ruolo molto meno importante di quanto non si creda. Anzi, non pochi di coloro che giustificavano la guerra avevano ben poca simpatia per il darwinismo, sia biologico sia sociale.Il darwinismo, infatti, poteva essere usato anche per condannare la guerra. Ma coloro che così fecero condividevano gli stessi schemi intellettuali dei loro avversari: non solo non ne rifiutavano il biologismo, ma ne accettavano le premesse, pur giungendo a conclusioni diverse.]

Affiliations: 1: Universita di Bologna

10.1163/221058784X00067
/content/journals/10.1163/221058784x00067
dcterms_title,pub_keyword,dcterms_description,pub_author
6
3
Loading
Loading

Full text loading...

/content/journals/10.1163/221058784x00067
Loading

Data & Media loading...

http://brill.metastore.ingenta.com/content/journals/10.1163/221058784x00067
Loading

Article metrics loading...

/content/journals/10.1163/221058784x00067
2016-09-27

Sign-in

Can't access your account?
  • Key

  • Full access
  • Open Access
  • Partial/No accessInformation